Mostra: Oltre la forma

 

25 anni di attivita'. Il Centro Fotografico BLOW UP, nato appunto a Roma venticinque anni fa, festeggia il proprio anniversario con una mostra di fotografie dal titolo emblematico “OLTRE LA FORMA”. In qualche modo, festeggia un mettersi sempre in discussione,  a dimostrazione della vitalita' degli stimoli culturali che furono matrice di quella iniziativa.
Cinque autori (Amelia Santini, Concetta Scuderi, Eleonora Ponte, Gianni Bertoldi, Marco Romualdi), in mostra con una diecina di opere ciascuno, raccolte sotto il tema  “Oltre la forma”. Presso la Libreria KOOB, a Roma, dietro il museo MAXXI, dal 12 al 25 marzo 2011.
Il titolo non costituisce soltanto la chiave di lettura del percorso espressivo degli autori nel fronteggiare l’approccio con la realta'. Un percorso assai variegato, che passa dalla osservazione del reale per astrarne elementi di sintesi, capaci di restituire la realta' nel loro valore simbolico di segni, alla interpretazione della realta' secondo una visione immaginaria di forme impensabili, casualmente nascoste nel disegno funzionale delle cose stabilito dalla natura o frutto della attivita' umana.
Il titolo vuole essere anche una dimostrazione della assoluta validita' del linguaggio fotografico nella determinazione della migliore via espressiva. Il concetto di forma richiama una logica di regole che non possono pero' essere intese come gabbie restrittive della creativita'. Dunque il bianconero, che peraltro continua ad essere una cifra significativa delle propensioni fotografiche degli appartenenti al Centro, accanto al colore, che viene scelto per rimarcare gli elementi interpretativi dell’autore secondo un bisogno cromatico che risponde ad esigenze interiori, semmai temporanee . Dunque il diverso modo di esporre i propri lavori, che gli autori hanno pensato di adottare al di la' di un elemento unificante che e' loro servito per cucire in unitarieta' la diversificazione delle loro proposte.
“Oltre la forma” e' anche una scelta di luogo, un superamento della logica espositiva “canonica” che vorrebbe anche le mostre fotografiche allestite in spazi deputati in via prioritaria alle esposizioni. KOOB e' una libreria ed e' il rovesciamento della parola BOOK, dunque un luogo dove la stessa cultura del libro e'vista in modo originale, un luogo dove poter affrontare il tema fotografico in una sorta di simbiosi culturale con il libro, non soltanto il libro fotografico. Una opportunita' di integrazione disciplinare delle sollecitazioni culturali.
“Oltre la forma” e' la definitiva affermazione che "... il segreto risiede nelle intenzioni del fotografo e non nell’evidenza del soggetto...".  

“Oltre la forma” non e' pertanto solo un titolo, ma un obbiettivo di ordine culturale che il team ha elettivamente deputato a significare che venticinque anni sono solo un punto di partenza, non un punto di arrivo. 
galleria di immagini della mostra